Contattaci e prendi un appuntamento

 

ORARI DELLO STUDIO

lunedì – giovedì – venerdì
08:00 – 12:30


martedì e mercoledì

14:00 – 18:00


Sabato – solo su appuntamento

 

 

RECAPITI TELEFONICI

Telefono/fax: 0187738056


email: info@centromedicoduesoli.it


 

Cellulare: 3407915159
URGENZE oculistiche giorni festivi

 

21 dicembre 2015
SCREENING OCULISTICO NEONATALE

La visita dello screening oculistico neonatale è finalizzata alla diagnosi precoce di alterazioni anatomiche o funzionali degli occhi del bambino.

In particolare si vogliono diagnosticare in tempi utili a una terapia adeguata le affezioni più gravi quali cataratta, glaucoma, distrofie retiniche eredo-familiari, malformazioni, retinoblastoma.

Lo screening oculistico in età pediatrica assume, quindi, una notevole importanza permettendo di evidenziare patologie che passerebbero inosservate, in rapporto all’età dei piccoli pazienti.

Un intervento terapeutico precoce, nella cura di parecchie affezioni oculari, permette di evitare che l’eventuale patologia in atto possa provocare danni irreversibili sulla funzionalità visiva del piccolo, causandone la cecità.

Proprio nei primissimi anni di vita si sviluppa, infatti, la funzione visiva ed è in questo periodo che vanno evidenziate e, per quanto possibile, rimosse le cause che possano turbare tale sviluppo.

La visione è, infatti, l’organo di senso più importante per lo sviluppo generale e per la formazione del bambino.

Una delle cause più frequenti di cecità nell’infanzia è la cataratta congenita, la sua incidenza è pari a 1/2.500 nati vivi.

Può rendersi manifesta ai genitori nel caso sia totale, come una macchia biancastra al centro della pupilla ma solo una visita oculistica accurata potrà evidenziare la presenza di opacità meno accentuate. Tra le cause responsabili di tale patologia ricordiamo la rosolia se si manifesta nella madre entro il terzo mese di gravidanza).

Altro capitolo importante è il glaucoma che si verifica con una frequenza pari ad un 1/25.000 nascita.  II piccolo presenta fotofobia, dolore e lacrimazione, segni questi importantissimi che ci possono indirizzare ad esami più specifici che ci permetteranno di escludere o di confermare un tale sospetto.

Tra le cause di cecità nell’infanzia non vanno dimenticati i tumori del bulbo e dell’orbita; tra questi il retinoblastoma 1/30.000 nascite, la retinopatia del prematuro (retinopathy of prematurity o ROP) è un’affezione vascolare retinica multifattoriale che si sviluppa nei bambini di basso peso alla nascita (< 1.500 gr.) e di bassa età gestazionale (< 30 settimane).

Una certa importanza ha anche la modalità del parto, in quanto eventuali episodi di asfissia neonatale possono provocare facilmente lesioni a carico delle vie ottiche o dei centri nervosi deputati alla visione.

Un ultimo aspetto è l’ambliopia. Con tale termine si definisce un deficit visivo in assenza di alterazioni anatomo-patologiche. Anche in questo caso è fondamentale una diagnosi precoce, in quanto le possibilità di recupero dell’occhio ambliopico mediante apposita terapia decrescono in maniera proporzionale all’età del soggetto.

La visita comprende:

  • ispezione degli annessi oculari, valutazione della motilità delle palpebre e dei bulbi oculari, valutazione della motilità pupillare e ispezione del segmento anteriore.
  • previa midriasi farmacologia (tropicamide + fenilefrina 1%): esame oftalmoscopico indiretto del fondo oculare e valutazione della refrazione con schiascopia a striscia.

Per ottenere un buon effetto del collirio istillato, bisognerà attendere dai 40 ai 60 minuti e durante tale intervallo potrà rendersi necessario ripetere l’applicazione delle gocce.

Nel frattempo si possono eseguire le normali attività di cura del neonato. In genere l’effetto midriatico scompare del tutto nel giro di poche ore e non è necessario adottare particolari precauzioni.

Ultimi articoli inseriti

18 settembre 2017
Una vita su due ruote

Sabato 16 settembre a Parma si è tenuta la terza edizione del congresso “Una vita su due ruote” organizzato dalla Clinica Mobile nel mondo e che ha visto la partecipazione...

Dott. SOLIGNANI Federico
leggi
28 agosto 2017
Centro d’eccellenza per il linfedema a La Spezia

Una signora romana affetta da linfedema ringrazia pubblicamente il dottor Costantino Eretta, Chirurgo del nostro Ospedale di Sarzana, per avere risolto il suo problema per il quale aveva già consultato...

Direzione
leggi
10 luglio 2017
Linfedema – intervista al dott. Costantino Eretta

Il dottor Costantino Eretta, esperto in riabilitazione e chirurgia linfatica, è stato intervistato da Teleliguriasud.

Il dottor Eretta ha affrontato le tematiche relative al linfedema ed in particolare ha parlato delle...

Direzione
leggi